Bosinada (…la risposta di Edo)

Cara Piera, second ti,
mì podevi restà lì,
‘me se dis chì a Milan
a fà nient, coi man in man?

Te me inzighet saccforment
te rispondi dent per dent:
quand parlavi in meneghin,
te capivet on ciccin?

Mì soo nò se poeu l’è vera
ch’el parlà de la ringhera
el podèss interessà
quèi che a ‘Res stann chì de cà;

se con tanta impazienza
per la mia conferenza
tripillassen ‘me fiolètt,
se l’è inscì rèsti interdètt!

Certo l’è che gent ghe n’era:
se sentiva ‘n’atmosfera
de persònn incoriosii,
tucc attent, imbesuii.

Gent contenta, interessada
che spettava la parlada
d’on autentich milanes,
l’è staa inscì, senza pretes

che del Porta di sonètt,
con dizion e accent perfètt
la Silvietta l’ha legiuu…
tutti lì col nas in sù!

Gh’eren poeu i proiezion
de l’Orlando sul tendon
che mostraven i figur,
impastaa là contra ‘l mur,

di diversi personagg
ch’hann portaa col sò linguagg
a la lingua milanesa
di paròll, e che sorpresa

quand hann vist che cèrti lèmma
pronunciaa pianin, con flèmma,
eren pròppi quasi istèss
al parlà che fèmm adèss.

A la fin, incoriosii,
gh’hinn staa quèi vegnuu in de mì
per savènn on poo de pù
su la “o” e in su la “u”.

Cara Piera, per finì
e rispond nò domà a tì:
fà on cors de milanes?
Tì te credet ai sorpres?

Autore articolo: Carlètto Oblò

 

One thought on “Bosinada (…la risposta di Edo)

  1. Bello sentirsi rispondere con una “bosinada”! Grazie Edo.
    Nella seconda strofa mi fai una domanda precisa: se, quando parlavi in milanese, riuscivo a capire “un ciccin”.
    Non posso certo dire di aver compreso ogni singola parola, ma il contesto era chiaro e ti ho seguito con facilità.. Appartengo a quel gruppo di presenti che tu hai visto “incoriosii” e “tucc attent”.
    Alla prossima “bosinada”.
    Piera

I commenti sono chiusi