Le conferenze di Maggio 2019

Siamo giunti al termine di questo anno accademico e le conferenze vere e proprie del prossimo mese saranno solamente due, ma di grande interesse.

La prima si terrà giovedì 2 maggio (sempre all’Auditorium – ore 15) con il titolo Le origini del fotogiornalismo con i primi fotoreporter in cui il grande fotografo ERNESTO FANTOZZI presenterà i primi giornali illustrati, la condizione dei fotoreporter alla fine degli anni venti del Novecento, l’introduzione nel mercato degli apparecchi fotografici di piccolo formato e i maggiori fotoreporter prima dello scoppio del secondo conflitto mondiale.

Ernesto Fantozzi inizia a fotografare nel 1958 e, dopo una brillante e fervida carriera, la sua attività continua tuttora in modo intenso, con conferenze, mostre personali e mostre collettive, e le sue foto continuano a essere pubblicate su libri e riviste, con premi e riconoscimenti di rilievo.
Il 9 maggio ENRICO CAZZANIGA con la conferenza Il lutto oggi: come viviamo le perdite? affronterà il difficile tema del lutto oggi che, più di ieri, è un’esperienza vissuta individualmente e spesso connotata da solitudine. L’incontro metterà in evidenza quali sono i principali fattori contestuali che modificano e influenzano tale esperienza.
Enrico Cazzaniga è psicologo e psicoterapeuta. Fra le sue molte attività e iniziative ha attivato gruppi AMA (Auto Mutuo Aiuto) per persone in lutto, separazione, divorzio, genitorialità, inserimento lavorativo protetto e svolge attività di formazione e consulenza per tali gruppi. Ha scritto decine di pubblicazioni su questi temi.
L’ultimo appuntamento dell’anno si terrà giovedì 16 maggio con la consueta Conferenza di chiusura, in cui – oltre a tirare le somme dell’anno appena trascorso e presentare alcune anticipazioni su programmi e progetti futuri – è prevista eccezionalmente un’assemblea dei soci, convocata per l’approvazione del nuovo statuto, così come è richiesto dalla recente normativa di legge sul terzo settore. Non mancheranno comunque, come di consueto, musica e intrattenimento con un buffet e un brindisi di saluto.
Vi aspetto!
Autore articolo: Paola Toniolo