Social Network: opportunità e rischi

Benché si debba riconoscere che il web è uno strumento formidabile, utile allo studio e alla conoscenza, un supporto didattico ormai indispensabile per la carriera scolastica, non possiamo sottovalutare i lati più deleteri, nascosti tra le sue pieghe. Dobbiamo puntellare con saggezza i limiti del web, spesso divenuto un Far West digitale o un paese dei “balocchi” popolato da tanti “lucignoli”.  Lo smartphone e in generale l’accesso a  internet in mano a un giovane finiscono con l’essere totalizzanti: non fanno altro che distrarlo da qualsiasi altro interesse e persino da un proficuo scambio sociale.  Questa apertura al mondo digitale, nasconde aspetti anche più pericolosi. Può diventare un’arma per offendere, come nel caso del cyber bullismo, o un mezzo per l’invio di messaggi, immagini o video a sfondo sessuale.  Quest’ultima prassi può poi facilmente passare a un reato, come ad esempio, l’adescamento sessuale di minori attraverso internet (due attività definite “sexting” e “grooming” in meneghino moderno…).
Sono arrivato alla conclusione che lasciarsi andare in balia delle sollecitazioni offerte da internet, è molto rischioso per tutte le categorie di età: dalla generazione dei “baby boomer” a quella “Z” dei “millenial”. Dovremmo essere noi a governare Internet, senza farci governare, ma purtroppo l’improvvisazione regna sovrana. Stiamo affrontando un cambiamento che sta andando più veloce di tutto e di tutti: dalla scuola alla famiglia, dalla burocrazia alla politica. Ci vuole un’inversione di tendenza che metta come priorità, nella filiera dell’educazione e dell’insegnamento scolastico, lo sviluppo di cultura e conoscenza. Senza questa strategia, non sapremo affrontare in maniera pertinente ed efficace la sfida non solo di internet, ma del cambiamento tecnologico nel suo insieme. E ne potremmo uscire sconfitti e dipendenti.
Colgo anche l’occasione per segnalare alla vostra attenzione il 21° Convegno “Scuola-Lavoro” e la concomitante premiazione degli studenti vincitori del 20° Concorso “Maestri del Lavoro nelle Scuole”. Eventi organizzati dal Consolato milanese dei Maestri del Lavoro..Di seguito alcune note sulla data,luogo e agenda del Convegno.
Il prossimo 23 Novembre  presso la Sala Convegni di Assolombarda in via Pantano 9, Milano, avrà luogo il 21° Convegno “Scuola-Lavoro” del Consolato milanese dei Maestri del Lavoro, dal tema: “Giovani e social network: opportunità e rischi”.  L’evento includerà anche la premiazione degli studenti “vincitori” tra i partecipanti al nostro  20° Concorso “Maestri del Lavoro nelle scuole” . Il convegno si aprirà alle ore 9.30 con un programma che prevede la conclusione entro le ore 12.30. Per dare risalto al tema del Convegno,  abbiamo chiesto alla Prof.ssa Chiara Giaccardi, professore ordinario della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Cattolica di Milano, di tenere la relazione centrale sull’argomento.  La giornalista Arabella Biscaro coordinerà il susseguente giro di interventi degli altri relatori, quali: Cristina Tajani, Assessore alle politiche del Lavoro del Comune di Milano, Delia Campanelli, Direttore Generale Ufficio Scolastico, Don Walter Magnoni, responsabile del servizio per la vita sociale e il lavoro della Diocesi di Milano.  La seconda parte del Convegno verterà sulla fase delle premiazioni agli studenti  che sono risultati vincitori del Concorso Maestri del Lavoro nelle scuole. Lo scrivente, oltre a essere il coordinatore dell’evento, leggerà i pensieri salienti degli elaborati.

Autore articolo: Giorgio Fiorini

2 pensieri su “Social Network: opportunità e rischi

  1. buon giorno è stata molto interessante la conferenza sull ‘indipendenza dell’India

  2. Caro Pietro, veramente nel mio articolo parlavo dei rischi dei social network…forse per l’indipendenza dell’India devi inviare il commento ad altro relatore 🙂 Ciao.

I commenti sono chiusi.