Visite d’arte a Milano – Aprile 2016

Gentili amiche e cari amici,
il nostro socio Giorgio Dugnani – Volontario del Touring Club Italiano per il Patrimonio Culturale – nel mese di aprile è lieto di accogliervi nei siti milanesi di Aperti per Voi, nei giorni in cui è presente:

venerdì 8, dalle 14 alle 18, presso la Chiesa di Sant’Antonio (via Sant’Antonio 5, Milano; da marzo a ottobre la grande chiesa è aperta, dal lunedì al sabato, dalle 10 alle 18; da novembre a febbraio dalle 10 alle 14), per ammirare stucchi, affreschi, statue, sontuosi altari con paliotti in pietre dure, sculture in marmo di Giuseppe Rusnati e dipinti di Fede Galizia, Procaccini, Carracci, Trotti, Moncalvo, Giovanni e G. Battista Carloni e altri importanti artisti del primo 600; da non dimenticare l’organo, suonato nel 1773 da Wolfgang Amadeus Mozart durante il suo viaggio in Italia.

S. Antonio

S. Antonio

mercoledì 13, dalle 9,30 alle 13,30, presso la Chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore (Corso Magenta 13, Milano; la splendida chiesa – restaurata grazie al contributo della Banca Popolare di Milano e ormai definita “La Cappella Sistina di Milano” – è aperta, dal martedì alla domenica, dalle 9,30 alle 19,30), per ammirare gli affreschi di Bernardino Luini, dei suoi figli, di Simone Peterzano, maestro del Caravaggio, e di altri pittori lombardi del 500, oltre allo splendido coro ligneo e al grande e raro organo commissionato nel 1554 dalle suore benedettine a Gian Giacomo Antegnati. A proposito di musica, grazie alla ditta Buscemi Dischi è ora attivo un impianto di diffusione sonora, con brani coevi all’epoca del luogo.

Click sulla miniatura per ingrandire l’immagine

lunedì 18, dalle 9 alle 13, presso la Cripta della Chiesa della Beata Vergine Annunciata, nell’Ospedale Maggiore di Milano (via Francesco Sforza 32 o via Festa del Perdono 7, Milano; la Cripta è aperta dal lunedì al giovedì, dalle 9 alle 17), per conoscere il suggestivo luogo dove ebbero prima sepoltura i patrioti caduti nelle Cinque Giornate di Milano, e dove vi sono i resti di circa 500mila milanesi, sepolti tra il 1473 – quando grazie a Francesco Sforza e alla moglie Bianca Maria Visconti la Ca’ Granda venne fondata e iniziò l’attività assistenziale – e il 1695, l’anno in cui furono vietate le sepolture entro le mura cittadine. Nella sovrastante chiesa, notevole la pala d’altare dell’Annunciazione, dipinta dal Guercino nel 1639.

Click sulla miniatura per ingrandire l’immagine

venerdì 29, dalle 15,30 alle 18, presso la Basilica di San Nazaro in Brolo (Piazza S. Nazaro 5, Milano; la Basilica è aperta – dal lunedì al sabato, dalle 15,30 alle 18), per visitare l’Area archeologica sotto la grande chiesa; nella cripta sotterranea, infatti, si trovano i resti della Basilica Apostolorum, eretta dal vescovo Sant’Ambrogio negli anni 381/382 all’inizio della Via trionfale cristiana (oggi corso di Porta Romana), che da Mediolanum, capitale dell’impero romano d’Occidente dal 286 al 402, conduceva a Roma, Caput mundi. Ben visibili le murature originarie di epoca ambrosiana, che hanno permesso di ricostruire la straordinaria pianta cruciforme, nonché i numerosi reperti romani (are, cippi, anfore, laterizi) ritrovati durante gli scavi del secondo dopoguerra. Nell’Area archeologica esterna, inoltre, si conservano interessanti testimonianze del cimitero intorno all’insigne basilica (sarcofagi e casse in pietra), avanzi delle murature originarie di epoca ambrosiana, e quattro antiche colonne in granito.

Click sulla miniatura per ingrandire l’immagine

L’ingresso ai vari siti milanesi APV, come in tutti quelli italiani (ormai 65, in 26 città di 12 regioni, aperti dagli oltre 2.000 Volontari del Touring per il Patrimonio Culturale, che in 10 anni hanno permesso a più di sette milioni di persone di conoscere e apprezzare eccezionali luoghi, rappresentativi del patrimonio storico-artistico, etnografico e culturale del nostro paese), è gratuito e non occorre alcuna prenotazione: basta raggiungere il sito, con i mezzi propri, e accedere all’interno, sempre presidiato anche da altri Volontari.

DA SEGNALARE

  Giorgio ricorda che grazie ai Volontari del Touring proseguono ormai stabilmente le visite di siti recentemente aperti al pubblico o appena restaurati:

la Casa di Alessandro Manzoni (Via Morone 1, Milano; aperta dal martedì al venerdì, dalle 10 alle 18, sabato dalle 14 alle 18), che custodisce ed espone nei suoi ambienti originari – in particolare studio e camera da letto del grande scrittore, lì vissuto dal 1814 fino alla morte, nel 1873 – ritratti, autografi, documenti, prime edizioni delle sue opere, quadri, stampe e incisioni relative ai personaggi e agli episodi de I Promessi Sposi.

la Chiesa di San Fedele (Piazza San Fedele 4, Milano; la chiesa è aperta dal mercoledì al venerdì, dalle 14 alle 18, sabato e domenica dalle 10 alle 18), per conoscere il solenne e maestoso prototipo dell’architettura religiosa della Controriforma, edificato per i Gesuiti, nel 1569/79, da Pellegrino Tibaldi su incarico di Carlo Borromeo; nell’interno, solenne e armonioso, notevoli arredi e opere di Bernardino Campi, Giovan Battista Crespi, Lucio Fontana e Simone Peterzano; notevoli la sacrestia in noce intagliato, la Madonna dei Torriani nella cappella delle ballerine e la moderna, impressionante Apocalisse di J. Kounelli nella cripta. Una lapide in bronzo, alla sinistra dell’altar maggiore, ricorda il punto dove era solito pregare Alessandro Manzoni, la cui statua è eretta di fronte alla chiesa.

la Casa di riposo per musicisti Giuseppe Verdi (piazza Buonarroti 29, Milano; lo storico edificio neogotico – progettato alla fine del 1800 da Verdi e dall’architetto Camillo Boito, fratello del letterato e musicista Arrigo – è aperto il martedì e il sabato, dalle ore 14.30 alle 18), un’occasione per ammirare la stupenda cripta con le tombe del Maestro e della seconda moglie, Giuseppina Strepponi, e rendere omaggio anche alla straordinaria vocazione agricola del grande musicista, sempre affascinato dalla vita di campagna; cinque tappe fra lettere autografe, documenti, filmati e concerti, accompagnati dal suono che pervade l’ambiente e dalla gradita soddisfazione degli anziani ospiti, accomunati dall’appartenenza al mondo dell’opera e della musica in genere.

NOTA: Giorgio ricorda inoltre che per informarsi sui siti Touring Aperti per Voi – il cui elenco, con descrizione e orari, è sempre esposto nella segreteria dell’Uni Ter ad Arese – basta consultare il Blog Uni Ter (sul sito <www.uniter-arese.it>, telefonargli (328 8318499), inviargli una mail <[email protected]> o controllare novità ed eventuali aggiornamenti di orari sul sito <www.apertipervoi.it>, cliccando poi <cosa facciamo>, <iniziative> e <i luoghi>.

Il Comune di Milano ha deliberato l’ingresso gratuito in tutti i musei civici per i soci del Touring Club: basta esibire la tessera personale. Tariffe d’ingresso ridotte e convenzioni particolari in Lombardia e in numerose altre località italiane.

Autore articolo: Giorgio Dugnani