MA DOVE SONO LE BALENE ?!

(conferenza di giovedì 25 marzo)

Zoom è proprio sorprendente
ti collega come niente
con docenti e relatori
senza metter piede fuori.

 Ieri ho fatto un lungo viaggio
ma davvero a largo raggio
dell’Atlantico al di là …
vuoi saper come si fa?

 Cerca Uniter d’ Arese
e sei subito alle prese
con le varie conferenze
(non occorron consulenze!)

 Vedi quale si terrà
clicca ed eccotela qua:
in riunione sei già entrato
non è stato complicato.

 Ma ora voglio ritornare
al discorso mio iniziale
su quel viaggio interessante
che m’ha preso in ogni istante.

Stefanoni è il relatore
l’incessante viaggiatore
che racconta volentieri
le esperienze ed i pensieri.

Lui, la moglie e due amici
sempre appaiono felici
mentre giran per il mondo
veramente a tutto tondo.

 Or con loro noi partiamo
negli USA ci rechiamo
e poi ancora nel Québec
sempre con i mezzi tech.

Scorron slide e spiegazioni
tante foto e illustrazioni
poste da una mano esperta …
e rimani a bocca aperta.

Tanti luoghi ho visitato
e c’è pur qualche filmato
e ti sembra “d’entrar dentro”
d’esser lì in quel momento.

 Mancan solo le balene
come il titolo previene
 in compenso noi avvistiamo
delle orche che ammiriamo.

Ma non voglio dilungarmi
preferisco salutarvi …
se qualcuno è interessato
clicca il link ch’è segnalato.

2 thoughts on “MA DOVE SONO LE BALENE ?!

  1. Ci è piaciuto tanto il viaggio alla ricerca delle balene, che si erano nascoste chissà dove, e ci sono piaciute anche le foto. Poi è arrivato il commento di Piera, naturalmente in rima, ed ha reso la conferenza davvero “super”.
    Massimo, con la sua spontaneità nel proporci le varie tappe nel “grande paese”, ci fa sentire di far parte della sua combriccola di viaggio. Quindi lo invitiamo a proseguire nelle sue presentazioni e invitiamo Piera a fare i suoi voli pindarici tra le rime che ci allietano e ci risollevano il morale.

  2. Cara Alba, senz’alro Massimo sa accompagnarci e coinvolgerci nei suoi viaggi, proprio come fossimo insieme a lui. Io mi limito a fare ” da menestrello” mettendo in rima le emozioni che suscitano i suoi racconti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Afiseaza emoticoanele Locco.Ro