Visite d’arte a Milano – Maggio 2016

Gentili amiche e cari amici,
il nostro socio Giorgio Dugnani – Volontario del Touring Club Italiano per il Patrimonio Culturale – nel mese di maggio è lieto di accogliervi nei siti milanesi di Aperti per Voi, nei giorni in cui è presente:

venerdì 13, dalle 10 alle 14, presso la Chiesa di Sant’Antonio Abate (via Sant’Antonio 5, Milano; da marzo a ottobre la grande chiesa è aperta, dal lunedì al sabato, dalle 10 alle 18; da novembre a febbraio dalle 10 alle 14), per ammirare stucchi, affreschi, statue, sontuosi altari con paliotti in pietre dure, sculture in marmo di Giuseppe Rusnati e dipinti di Fede Galizia, Procaccini, Carracci, Trotti, Moncalvo, Giovanni e G. Battista Carloni e altri importanti artisti del primo 600; da non dimenticare l’organo, suonato nel 1773 da Wolfgang Amadeus Mozart durante il suo viaggio in Italia.

mercoledì 18, dalle 13,30 alle 17,30, presso la Chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore (Corso Magenta 13, Milano; la splendida chiesa – restaurata grazie al contributo della Banca Popolare di Milano e ormai definita “La Cappella Sistina di Milano” – è aperta, dal martedì alla domenica, dalle 9,30 alle 19,30; il giovedì dalle 9,30 alle 22,30), per ammirare gli affreschi di Bernardino Luini, dei suoi figli, di Simone Peterzano, maestro del Caravaggio, e di altri pittori lombardi del 500, oltre allo splendido coro ligneo e al grande e raro organo commissionato nel 1554 dalle suore benedettine a Gian Giacomo Antegnati. A proposito di musica, grazie alla ditta Buscemi Dischi è ora attivo un impianto di diffusione sonora, con brani coevi all’epoca del luogo.

click sulle miniature per ingrandire le immagini

venerdì 27 dalle 9,30 alle 13,30, presso l’Antiquarium “Alda Levi” e Parco dell’Anfiteatro Romano (via De Amicis 17, Milano; museo e parco sono aperti, dal martedì al venerdì, dalle 9,30 alle 13.30; il sabato dalle 9,30 alle 14), per contemplare le fondamenta di quello che fu, tra il II e il III secolo D. C., uno tra i più grandi edifici del genere, abbandonato poi nei primi secoli del Cristianesimo, utilizzato come materiale edile nel IV e V secolo e demolito infine dai Goti nel 539, durante la guerra alla città di Mediolanum. All’archeologa Alda Levi, che nel 1936 condusse i primi scavi, è dedicato l’interessante museo annesso , le cui sale illustrano l’evoluzione del quartiere, la storia e le caratteristiche delle arene romane e degli spettacoli che vi si svolgevano, con multiproiezione continua; reperto particolare è la Stele funeraria in marmo del gladiatore Urbicus.

click sulle miniature per ingrandire le immagini

L’ingresso ai vari siti milanesi APV, come in tutti quelli italiani (ormai 68, in 27 città di 12 regioni, aperti dagli oltre 2.000 Volontari del Touring per il Patrimonio Culturale, che in 10 anni hanno permesso a più di sette milioni di persone di conoscere e apprezzare eccezionali luoghi, rappresentativi del patrimonio storico-artistico, etnografico e culturale del nostro paese), è gratuito e non occorre alcuna prenotazione: basta raggiungere il sito, con i mezzi propri, e accedere all’interno, sempre presidiato anche da altri Volontari.

NOVITÀ DA SEGNALARE

A Palazzo Arese Borromeo (Via Borromeo 41, Cesano Maderno, MB) i Volontari per il Patrimonio Culturale sono presenti ogni sabato e domenica, dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19. L’imponente “casa di campagna tra il verde e il fresco della Brianza” fu eretta nel 1600 dal conte Bartolomeo III Arese, allora presidente del Senato di Milano e illustre protagonista della vita culturale lombarda; è sobria all’esterno, con scenografici giardini all’italiana ricchi di fontane e statue, ma ricca di decorazioni all’interno, con splendidi ambienti ornati da affreschi di Ercole Procaccini e di altri pittori illustri; degni di nota lo Scalone degli stemmi, Il Salone dei ricevimenti, affrescato, il Salone dei Fasti Romani e la Galleria delle statue. Ingresso € 5, ridotto (under 18, over 65, soci TCI e FAI) € 3; visite guidate la domenica, dalle 15,30 alle 16, € 9/6.

Palazzo Arese Borromeo, Cesano Maderno

Palazzo Arese Borromeo, Cesano Maderno

Palazzo Arese, Galleria statue

Palazzo Arese, Galleria statue

Nell’Antiquarium “Alda Levi”, sabato 7, alle 11,30: Bardi, giornaliste, cronisti… Vita e avventure di Matilde Serao”, reading con musica a cura dei Cantastorie. Ingresso libero – Prenotazione obbligatoria a Pronto Touring (840 88 88 02) dal 2 maggio.

Nella chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore, giovedì 12, alle 20,30: “Una musica per l’anima”, concerto del trio barocco dei Musicisti Russi di Milano; giovedì 19, alle 20,30: “Trio Medea”, mandolino e mandoloncello, concerto a cura del Conservatorio di Musica “G. Verdi” di Milano; domenica 22, alle 18: “Antegnati Tour”, concerto d’organo. Ingresso libero fino a esaurimento posti.

Nella Casa del Manzoni (via Morone 1), giovedì 26, alle 18,30 e 19,30: “Letture sul far della sera nel cortile di via Morone”, a cura degli studenti e attori diplomati alla Civica Scuola di Teatro “Paolo Grassi”. Ingresso libero – Prenotazione obbligatoria a Pronto Touring (840 88 88 02) dal 9 maggio.

Nella chiesa di Sant’Antonio Abate, sabato 28, alle 16,30: Voci in coro-La musica non è indifferente”, concerto a cura di InCanto–Coro Polifonico. Ingresso libero fino a esaurimento posti.

NOTA: Giorgio ricorda infine che per informarsi sui siti Touring Aperti per Voi – il cui elenco, con descrizione e orari, è esposto fino al 19 maggio nella segreteria dell’Uni Ter ad Arese – basta consultare il Blog Uni Ter (sul sito <www.uniter-arese.it>, telefonargli (328 8318499), inviargli una mail <[email protected]> ma soprattutto, dopo l’interruzione estiva delle attività Uni Ter, controllare novità ed eventuali aggiornamenti di orari sul sito <www.apertipervoi.it>, cliccando poi <cosa facciamo>, <iniziative> e <i luoghi>.

 Il Comune di Milano ha deliberato l’ingresso gratuito in tutti i musei civici per i soci del Touring Club: basta esibire la tessera personale.

Tariffe d’ingresso ridotte e convenzioni particolari in Lombardia e in numerose altre località e province italiane

Autore articolo: Giorgio Dugnani